Idea e Preparazione

Idea e Preparazione

SENTIERO ITALIA

camminare per più di  6000 km sull’autostrada più bella d’Italia

L’IDEA

Dopo un lungo e avventuroso viaggio in bicicletta nel Nord America, tornai a casa con il pensiero e la voglia di esplorare l’Italia. Osservando una foto satellitare della penisola italiana, fui colpito da come il paese sia marcato da catene montuose unite tra loro e collegano l’intero stivale.

Al tempo non ero a conoscenza del Sentiero Italia e cosi mi misi subito al lavoro cercando di capire come poter unire tutte queste catene montuose da un unico sentiero. Fortunatamente, grazie a delle ricerche on line scoprì che un sentiero del genere già esisteva, ed era appunto il Sentiero Italia. Mollai il lavoro che avevo iniziato e mi buttai a testa bassa sul Sentiero Italia e su come poter organizzare e affrontare un’avventura di queste dimensioni.

 

Il bello del viaggio è che bisogna partire e lasciare che le cose accadano senza pensare troppo o preoccuparci a prevedere cosa potrà accadere in ogni momento.  L’uomo è un animale capace di adattarsi, di cambiare, di inventarsi in ogni situazione.

BUON VIAGGIO A TUTTI

Volendolo percorrere da solo e in autonomia significa fare bene i conti con alcuni aspetti, tra questi, il carico di peso da portarsi dietro, come affrontare le stagioni, una consolidata attitudine a stare da solo e un sacco di spirito di adattamento.

L’essenziale è fondamentale, nei viaggi con lo zaino in spalla ma anche quelli in bicicletta di lunga percorrenza, il “superfluo” non aiuta. L’esperienza insegna, si parte in un modo e man mano che si avanza ci sia adatta a una nuova dimensione in cui si capisce immediatamente cosa serve e cosa no.

Nelle foto che ho scattato ho posizionato a terra un “360 gradi abbondante” di tutto quello che ho pensato di portare via, che dopo alcune rivisitazioni, è calato quasi della metà. Dovendo campeggiare, una tenda, materassino sacco a pelo e un telo cerato sono indispensabili. Se si pensa di mangiare, un mini kit da cucina serve, io uso un fornellino in titanio ad alcol, un scorta di cibo per la sera e la mattina e qualche snack per il cammino. L’abbigliamento è veramente tirato ai minimi termini, un cambio per camminare e uno per il dopo camminata, un pile, un piumino e un guscio in caso di pioggia. Per quanto riguarda l’ambito elettronico, tutti i dispositivi tra cui un cellulare e una macchina fotografica mirrorless, vengono caricati tramite pannello solare con un’uscita di 16W. Un kit medico assortito è di obbligo anche se ovviamente, si spera sempre di non utilizzarlo. Un piccolo set per l’igiene personale incluso salviette dentifricio, spazzolino e creme idratanti per i piedi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *